La Storia

Le genti che da sempre hanno vissuto la loro vita sui Monti Lepini si sono distinte per un innato amore fraterno e per la totale fede in Gesù Cristo.

Di queste virtù ben presto si rese conto Padre Roberto Fastella, frate Agostiniano giunto a Maenza nel 1958, il quale pensò bene di trasformare, in una rappresentazione teatrale in costume, l’antica processione penitenziale del Venerdì Santo, nella quale i simulacri della Madonna Addolorata e del Cristo morto, erano portati in processione da un corteo storico di confraternite cittadine.
Fu così che nel 1969 Padre Fastella, vide realizzato il suo desiderio assistendo alla prima rappresentazione da lui stesso ideata e diretta come regista.

In questo modo, oltre a mantenere il suo carattere religioso, la manifestazione assunse un aspetto teatrale con la partecipazione di figuranti in costume d’epoca i quali recitavano i passi del vangelo.
Con il passare degli anni, la manifestazione divenne una vera rappresentazione teatrale, con colonne sonore luci ed effettistica, tanto da riscuotere sempre maggiore successo tra gli abitanti dei comuni limitrofi.

Visto il progressivo aumento della notorietà, nel 1999 l’Amministrazione Comunale capì che questa era l’occasione per far entrare il paese in un contesto turistico, chiamò intorno a se un gruppo di persone volenterose, le quali si adoperarono e diedero vita alla “ASSOCIAZIONE SACRA RAPPRESENTAZIONE DEL VENERDÌ SANTO”, il cui intento fu quello di prendere per mano la manifestazione stessa e portarla sempre più in alto fino a competere, per qualità delle scene e numero dei partecipanti, con le migliori performance europee, senza tralasciare l’importanza del solco tracciato dal suo ideatore Padre Fastella.

Tant’è che nell’anno 2000, a seguito dei lusinghieri risultati raggiunti, alla nostra associazione fu consentito di far parte dell’EUROPASSION, associazione raggruppante le migliori rappresentazioni della Passione di Cristo in Europa.

Oggi, grazie ai servizi delle televisioni locali, a molti autorevoli quotidiani ed in special modo alle trasmissioni “Sereno Variabile” di RAI DUE, di RAI INTERNATIONAL, RAI UNO nella trasmissione UNOMATTINA WEEK END del 3 aprile 2010 e le dirette televisive via satellite su emittenti operanti nella Regione Lazio, la nostra manifestazione è diventata una delle più popolari e spettacolari che si svolgono in ITALIA.